fbpx

Macchie, errori e altre catastrofi ovvero Marianna Balducci e il suo Max

Macchie, errori e altre catastrofi ovvero Marianna Balducci e il suo Max

Ho conosciuto Marianna Balducci, per caso a una cena durante La Fiera di Bologna del 2018. Lei aveva illustrato il viaggio di piedino (https://www.bacchilegaeditore.it/prodotto/il-viaggio-di-piedino/), di cui ho parlato e su cui tornerò.

Quest’anno ho avuto la bellissima sorpresa di conoscerla anche come autrice con C’è una macchia sul mio disegno! Collana Lilliput, La spiga edizioni, 2019.


C’è una macchia sul mio disegno! Collana Lilliput, La spiga edizioni, 2019.

Questa semplicissima storia apre mondi che possono andare in ogni direzione.

La storia è corta e la potete leggere ad alta voce in pochi minuti; sarebbe meglio se voi poteste proiettare le immagini con una LIM, perché Marianna ha raccontato una storia combinando sapientemente parole e immagini.  

Max vorrebbe diventare un artista di quelli che espongono nei musei ma, ahimè si accorge che sul suo disegno c’è una macchia!

dav

Iniziano alcuni rocamboleschi tentativi per cancellarla, nasconderla abolirla; tentativi che coinvolgono cani, scienziati e alieni e alla fine…

Una storia semplice, adattissima ai lettori in erba eppure piena di mille stimoli per parlare dei quali chiamo in aiuto Marianna Balducci stessa.

L’artista riminese ha raccontato qualche giorno fa che inizialmente Max doveva chiamarsi Kurt in onore di Kurt Schwitters ed ecco che mi si sono accese mille lampadine!

Facciamo un po’ di ordine: C’è una macchia sul mio disegno ci insegna molto sull’errore e su come trasformarlo; per questo lo trovo molto adatto a tutti quelli che tra qualche giorno dovranno accogliere i loro alunni in prima primaria.

Cosa c’è di meglio che iniziare l’anno scolastico con un libro che parla di quanto un errore possa essere l’inizio d’incredibili avventure e possa rivelarsi un’opera d’arte?

Quante cose possiamo proporre ai nostri bambini partendo da un errore o da una macchia!  Chiamo alcuni grandi maestri (Leonardo, Munari e Keri Smith sono per citarne alcuni, senza ovviamente dimenticare Gianni Rodari grande maestro dell’errore!), rispolvero i loro scritti, le loro opere e vi invito a fare questa attività:

  • Fate fare ai bambini delle macchie di marmellata, olio, nutella, succo di mirtillo, polvere di graffite e di qualsiasi cosa vi viene in mente; io spesso, con grande stupore dei bambini dico loro di prendere un foglio e di poggiarlo a tavola mentre mangiano, quale miglior modo di avere una macchia del tutto casuale? Keri Smith suggerisce di pulirsi la bocca dopo aver mangiato qualcosa di particolarmente “macchiante” tipo gelato o pomodoro. Munari giocava con le macchie servendosi di regole e gioco  e Marianna ha fatto dei bellissimi esperimenti partendo dalle macchie di Rorschach (http://(https://www.frizzifrizzi.it/2015/10/06/marianna-balducci-e-le-storie-dentro-alle-macchie-di-rorschach/) ), in somma trovate e inventate un modo per far fare delle macchie casuali ai bambini. 
  • Ritirate i fogli senza nome, non guardateli.
  • Mischiateli e ridistribuiteli senza guardarli.
  • Distribuite pennarelli, cere, matite colorate e lasciate loro una buona mezz’ora per creare.
  • Confrontate le creazioni (confronto inteso come analisi dei colori usati e dei materiali), parlatene e provate a inventare una storia collettiva.

Come avrete notato pongo spesso l’accento sulla necessità di fare ricorso al caso e di lasciare che la casualità entri nelle opere. Programmiamo e strutturiamo troppo e frequentemente noi adulti ci facciamo guidare dall’idea che abbiamo di quel bambino/bambina per distribuire i materiali.  Vorrei proporvi, solo per questa volta, di abolire tutto, chiudere gli occhi e lasciar fare al caso! L’errare senza meta, spesso genera l’arte e permette al pensiero di andare oltre.

Vi consiglio di riprendere il tutto per poi poter rivedere e studiare l’esperienza per valutarne le criticità.

E Kurt Schwitters? L’ho lasciato in fondo perché è una delle mie grandi passioni, come un po’ tutti i dadaisti e i futuristi. Va bene, Schwitters non era un futurista!Tuttavia con questi geni che per primi hanno destrutturato l’arte, il suono e il libro, aveva molto in comune; Schwitters era un artista poliedrico e visionario, innamorato della materia che ha creato opere assemblando materiali di ogni tipo, materiali di recupero e oggetti  quotidiani scartati.



Small Sailors’ Home — Kurt Schwitters

Che è proprio quello che fa Max, il protagonista della storia di cui stiamo parlando: volendo coprire la macchia, considerata sbagliata, mette sul disegno tutto ciò che capita!

Facciamo come Max:

  • Rifornitevi di scatole da imballaggio (io in genere chiedo nei supermercati) e tagliate dei quadrati o rettangoli di circa 20×20/20×30 (le misure sono indicative; potete anche fare delle forme irregolari, basta che ogni bambino abbia una base su cui lavorare), colla vinilica, pennelli numero 11-12
  • Portate a scuola (potete coinvolgere anche i bambini): graffette, spago, sassolini, tappi di sughero, tappi a corona, tappi dei pennarelli e delle penne, piume, piccole pigne come quelle delle Tuie, pezzetti di carta colorata, pezzetti di stoffa, bottoni, fili di lana, mollette per capelli e tanti altri piccoli oggetti che vi vengono in mente.
  • Mettete tutto il materiale su di un tavolo (o più tavoli uniti insieme) coprite con un telo non trasparente (in questo modo i bambini non vedono cosa prendono) e invitate i bambini a prendere degli oggetti che incolleranno sulla loro base di cartone (i bambini potranno recarsi più volte al tavolo per prendere oggetti).
  • Date tempo (un’ora, anche un’ora e mezza).
  • Guardate insieme le opere e commentate. Dedicate del tempo a raccontarvi che cosa avete fatto, cosa vi è piaciuto, cosa no. Chiedete ai bambini di dare un titolo alle opere. È molto importante che sia un momento di chiacchierata informale.
  • Riprendete il tutto.
  • Divertitevi!

Sarà un inizio anno errante e vagabondo.

NOTA: la collana LILLIPUT di La Spiga Edizioni ha vinto Il Premio Andersen 2017 come Migliore Collana

Marianna Balducci, C’è una macchia sul mio disegno, La Spiga Edizioni, 2019 ( https://www.elilaspigaedizioni.it/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *