ecologia

Ho conosciuto Gaia Guasti con Maionese, ketchup o latte di soia (traduzione di Silvia Rogai, copertina di Giovanni Nori, Camelozampa 2016), un libro duro che racconta le famiglie di oggi fatte anche di adulti fragili e figli che fanno un po’ da genitori, ma costellato qua e là di un’ironia sottile e vibrante.

Con Insalata Mista, Gaia Guasti (traduzione di Gaia Guasti, Camelozama, 2021) torna sugli argomenti che le sono cari, raccontandoci una storia ironica , quasi sarcastica, e anche un po’misteriosa.

I genitori di Margotte hanno pensato di lasciare Parigi e di  trasferirsi in un borgo di campagna per tornare alla natura. Mentre i genitori decantano le lodi delle marmellate fatte in casa, dei campi coltivati e la <<delizia delle fredde serate invernali davanti al camino>>, Margotte, voce narrante e coscienza critica del (a detta sua) folle piano, ci narra il tutto dal suo punto di vita. Cinica e ironica, Margotte racconta il trasloco e la nuova vita nel borgo di campagna, analizzandola al microscopio e stilando numerose liste che, dice l’aiutano a pensare perché:

<<…il mio ruolo è quello di pensare…la mia forza è che sono metodica…apro i problemi in due come se fossero uova di Pasqua…>>

Ne esce un ritratto sarcastico della mania della vita in campagna, dove i nuovi arrivati si vestono “da contadini”, trasandati e spettinati, e gli autoctoni sono uguali a qualsiasi parigino, una campagna dove la madre di Margotte, da brava neofita della vita in campagna spinge talmente in là i suoi discorsi, a detta della nostra sagace protagonista, che

<<La prossima volta che mangerà uno yogurt, chiederà il permesso ai fermenti lattici>>

Insalata Mista è anche una bellissima storia d’amicizia e di sorellanza; una storia che parla del rapporto tra ragazzi e adulti; adulti a volte fragili e confusi, altre forti e decisi. Una storia che parla dei legami che ci uniscono e di cui abbiamo bisogno che Gaia Guasti narra con una prosa armoniosa e coinvolgente, spigliata e gioiosa capace di raccontare storie importanti con leggerezza intensa.

Dicevo che è anche una storia misteriosa. Già perché, quando Margotte e la sua famiglia si sono trasferiti, era stato detto loro che nel borgo abitavano diciassette persone; come mai tra autoctoni e nuovi arrivati, di persone ce ne sono solo sedici? Chi è il misterioso diciassettesimo abitante? E perché che si nasconde? Mistero tinto di quasi noir.

Un romanzo diverte che parla di ecologia e natura, di avventura, solidarietà e amicizia.

Bella la copertina Eleonora Antonioni che riesce a raccontarci la storia senza svelarci nulla (io, dopo aver letto il romanzo mi sono divertita, come facevo da ragazzina, a riconoscere i protagonisti)

Gaia Guasti, Insalata Mista, traduzione di Gaia Guasti, Camelozampa, 2021

29 Novembre 2021

Quanto è bella la campagna!

Ho conosciuto Gaia Guasti con Maionese, ketchup o latte di soia (traduzione di Silvia Rogai, copertina di Giovanni Nori, Camelozampa 2016), un libro duro che racconta […]
7 Ottobre 2021

Se Timothy dice Karamazov!

Dal 2015 i bambini italiani hanno un nuovo eroe, il mitico Timothy Top, il ragazzino con i superpoteri che quando si trasforma, urla Karamazov! Creato da […]
26 Luglio 2021

Un giardino tentacolare

La natura mi affascina. Maestosa, lenta, indifferente. Perfetta nel suo essere. Per questo motivo ho sempre subito il fascino dei libri di divulgazione. Da bambina avevo […]
29 Maggio 2021

Quando per avere un po’ di fresco si fa esplodere un gran caldo!

È sempre molto pericoloso scrivere una storia con un intento didascalico. Tuttavia è possibile, avendo un’idea concreta e precisa e un grande rispetto per i lettori […]