fbpx

Silent Book

Finalmente Museum ( di Javier Sáez-Castán, illustrazioni di Manuel Marsol, Orecchio Acerbo, 2019) è nelle mie mani. Lo avevo adocchiato a Più Libri Più Liberi a dicembre dello scorso anno e mai più dimenticato.

È un libro difficile da definire.  Quadrato, sembra un piccolo quadro; il titolo rimanda a un qualcosa di altrettanto difficile da definire. Giustamente Orecchio Acerbo, nella sinossi al libro (https://www.orecchioacerbo.com/editore/index.php?option=com_oa&vista=catalogo&id=616), si chiede, e ci chiede, che cosa sia un museo.

Nonostante il termine abbia un’etimologia che risale all’antica Grecia, ancora oggi la discussione sul ruolo e sulla definizione di museo è aperta.  Stati e Governi non sono arrivati a un accordo, questo non tanto per motivi politici (una volta tanto!) ma perché effettivamente il concetto di museo è abbastanza complesso. Questo solo per dire che il titolo rimanda a qualcosa che pensiamo di conoscere ma non è così. Qualcosa in realtà di difficile da definire (sul concetto di museo, tornerò).

Indefinibile e intrigante, questo è Museum. Un libro senza parole che racconta di un viaggiatore cui si rompe la macchina vicino una costruzione che si erge su una collina, che persino a me, che non sono un’amante del regista inglese, ricorda la casa di Psyco, come molti hanno notato. Il viaggiatore si arrampica fino alla casa, vi entra e ha, come noi che entriamo con lui, l’impressione di essere entrato in un museo, giacché ci sono esposti quadri con tanto di etichetta e nell’accezione comune ciò denota un museo. È qui che il suo viaggio si fa strano e inquietante, perché quei quadri sembrano rappresentare lui e la sua macchina, non solo, alcuni personaggi escono dalle cornici. Terrorizzato, il nostro viaggiatore vorrebbe fuggire, ma ormai per il museo è scattata l’ora di chiusura (e questo è molto hitchcockiano).  Dovrà trovare una soluzione per uscire.

Se il rimando a Hopper è immediato per le inquadrature di molte illustrazioni e per la scelta dei colori, a me pare che l’influenza del surrealismo sia ancora più marcata. L’occhio nelle sue mille accezioni di indagatore e ingannatore, di “specchio dell’anima” e filtro/maschera, è una costante del surrealismo pittorico e cinematografico.

Tutto è sguardo in Museum

Quegli occhi che già in copertina guardano te lettore sono occhi che fanno domande, come il presagire di qualcosa. Il libro è disseminato di occhi indagatori: lo spioncino (che poi sono due) del portone, lo sguardo della donna del quadro e del pappagallo che guardano chi guarda. Lo sguardo del viaggiatore che è sempre sgranato, terrorizzato, guardingo.

Chi guarda in Museum? E chi è guardato?

La realtà da quale parte della cornice sta? Quale cornice? Quella dei quadri o la copertina del libro?

Un albo straniante, come lo ha definito Roberta Favia (qui: https://testefiorite.it/2020/03/museum/) e, mi ripeto, intrigante, da proporre ai bambini e ai ragazzi, senza dare spiegazioni e senza nessuna aspettativa.

A mio parere è necessario avere più copie del libro (utilizzate le biblioteche o coinvolgete una libreria amica) e fare piccoli gruppi. Lasciate tempo. Ascoltate le loro domande e il loro stupore e cercate con loro risposte, che non potranno mai essere le stesse.

Non citate Hopper né il surrealismo o Hitchcock, al limite disseminate nello spazio fotocopie in A 3 di quadri e inquadrature. Provocate domande. disseminate indizi.

Javier Sáez-Castán , Museum, illustrazioni di Manuel Marsol, Orecchio Acerbo, 2019 .

Il libro è stato insignito del Bologna Ragazzi Award 2020 Cinema Special Cathegory

20 Luglio 2020

Museum, chi guarda chi?

Finalmente Museum ( di Javier Sáez-Castán, illustrazioni di Manuel Marsol, Orecchio Acerbo, 2019) è nelle mie mani. Lo avevo adocchiato a Più Libri Più Liberi a […]
23 Febbraio 2017

La narrazione silenziosa dei Silent Book

Qualche tempo fa in un incontro con un gruppo di adulti, mentre facevo vedere dei Silent Book, una ragazza, mi guarda un po’ titubante e mi […]