Teresa Porcella

In Italia, ma non solo, viviamo un periodo complesso e pieno di contraddizioni.  Il recupero delle tradizioni, ahimè si è portato dietro e ancora si porta, il pesante fardello di certi estremismi. E così alle volte, si cancellano; per paura. Ne rimane spesso una versione commerciale e di superficie (penso alle Maschere). Qualcosa è rimasto nel Teatro dei Burattini che tenace, resiste. È un discorso lungo e affascinante che non voglio dimenticare.

Un bel esempio di resistenza è il bellissimo progetto di Telos Edizioni, la Collana147 Mostro che parla. Ideata e curata da Teresa Porcella, racconta gli esseri fantastici delle varie regioni italiane ambientandoli ai tempi odierni.  L’obiettivo è di raccontare l’enorme patrimonio di esseri fantastici, magici e fatati che appartiene all’Italia.  Via, via usciranno tutti i volumi delle 21 regioni d’Italia. Ognuno scritto e illustrato da artisti nati nella regione di cui si narrano i miti e le leggende. Questo perché traspaiano dalle parole e dalle immagini, i colori e il linguaggio che è ricchezza di ogni regione. Qualche tempo fa ho scritto del volume dedicato a miti e leggende del Lazio, la mia regione; oggi vi racconto dell’affascinate volume dedicato al Molise, Uomo Cervo, fate, folletti e altri esseri fantastici del Molise, scritto da Stefania Di Mella e illustrato da Laura Fanelli.

A guidarci nella prima storia è Elena, una bambina, che in una mattina di primavera mentre la natura si risveglia, a Matrice è attratta da un artista che sta copiando i bassorilievi della Basilica di Santa Maria della Strada. Dalla narrazione dei bassorilievi si snoda la tremenda storia di Re Bove.

Eccoci poi catapultati nel Carnevale Molisano pieno di esseri mostruosi come il Diavolo di Tufara che l’ultimo giorno di carnevale si abbatte su i bambini in festa per spaventarli. E poi streghe, folletti dispettosi, fate belle e disperate, serpari e infine il terribile Uomo Cervo. Il tutto raccontao con uno stile fluido e accattivante.

La bellezza di questa Collana è che le storie sono incastonate nell’oggi. E così accanto al Diavolo di Tufara sfilano i bambini vesti da Harry Potter, Hermione e … da Colui che non si può nominare (che abbia risvegliato il Diavolo?).  È la gelosia di una bimba a riportare alla memoria la Strega di Sannio e la vanagloria di un ragazzino a scatenare l’ilarità dispettosa del folletto Mazzamauriello, così simile ad altri in tutta Italia.  

Un bellissimo modo per riportare alla memoria le storie del folclore. Centratissime le illustrazioni di Laura Fanelli che accentuano la commistione tra tradizione e modernità, sacro e profano. Se le si guarda bene mostrano quel sottile filo d’ambiguità (il Bene e il Male; l’animale che si trasforma; l’ambigua gaiezza dei folletti) che pervade molti racconti popolari. Lo stile fluido, giocoso e garbato della scrittura di Stefania Di Mella rende bene la presenza del Magico tra le pietre e il mare del Molise.

Alla fine del libro dei buffi personaggi invitano il lettore a cercare nei ricordi altri esseri mostruosi o fatati della propria regione o di un’altra a suo piacere che potrebbe conoscere. I buffi personaggi lo spronano a fare una ricerca per trovarne di nuovi e lo stimolano a inventare una storia con questi esseri fatati, ovviamente illustrandola. Anche questa è un bellissimo e stimolante strumento per avvicinarsi alla narrazione di miti e leggende.

A oggi la collana conta, oltre a quello citato altri quattro titolo: Barban, fate, orchi e altri esseri fantastici della Liguria, scritto da Anselmo Roveda e illustrato da Giulia Pastorino e Spirdi, spirdati, sirene e altri esseri fantastici della Sicilia, scritto da Annamaria Piccione e illustrato da Lucia Scuderi, Pico, Circe e i mostri di Bomarzo e altri esseri fantastici del Lazio, scritto da Giovanni Nucci e illustrato da Andrea Calisi, Spettri, streghe, mazapegùl e altri esseri fatati dell’Emilia Romagna

È scritto con il font EasyReading e, il testo non è giustificato sulla destra e mette in evidenza con colori diverse le prole chiave. Inoltre in quarta di copertina potete, attraverso un QR code, ascoltare l’audiolibro letto dall’autore.

Stefania Di Mella, Uomo Cervo, fate, folletti e altri esseri fantastici del Molise, illustrazioni di Laura Fanelli, Telos Edizioni, 2022

Qui il mio articolo sulla Collana 147 Mostro che parla; volume dedicato al Lazio https://storiegirandole.it/esseri-mostruosi-e-teste-parlanti-le-antiche-storie-moderne-del-lazio/

14 Aprile 2022

Mostri e streghe si aggirano tra pietre e mare.

In Italia, ma non solo, viviamo un periodo complesso e pieno di contraddizioni.  Il recupero delle tradizioni, ahimè si è portato dietro e ancora si porta, […]
9 Ottobre 2021

Esseri mostruosi e teste parlanti. Le antiche storie moderne del Lazio

Ho sempre amato i miti, soprattutto quelli di fondazione che narrano la nascita di luoghi e civiltà e le leggende legate a storie misteriose. Per questo […]
12 Gennaio 2021

Emma sulla Tour Eiffel

Siamo a Parigi nel 1889, tra marzo e maggio. In città non si parla d’altro che della grande torre di ferro che l’ingegnere Gustave Eiffel ha […]
21 Gennaio 2020

L’arte si può danzare e giocare

“Toglieranno l’insegnamento della Storia dell’Arte” urlavano i titoli dei giornali qualche tempo fa, seguiti da articoli, post e considerazioni di grandi critici, teorici della scuola e […]