fbpx

Formare lettori a scuola


Il canale delle storie e le proposte rivoluzionarie di Officine su Ruote

a cura di Carla Colussi

 

4 BUONI MOTIVI PER LEGGERLO

 
Capire i motivi per i quali in Italia non stiamo formando lettori, nonostante le innumerevoli iniziative di promozione
Accogliere uno sguardo diverso sulla promozione della lettura rispetto a quanto fatto finora
Scoprire gli errori tipici che affliggono il sistema educativo contemporaneo
Conoscere le attività e i progetti condotti a scuola da Officine su Ruote per iniziare ad applicarli in classe con i propri alunni

OFFICINE SU RUOTE da anni analizza e sperimenta strumenti alternativi alla sola lettura ad alta voce, cercandoli anche in contesti completamente diversi da quelli legati alla lettura, nella convinzione che per formare lettori sia necessario creare (forse bisognerebbe dire riaprire) il canale delle storie.

 

I COMMENTI DI CHI LO HA LETTO

  • Con semplicità di linguaggio e sintetica precisione, Carla Colussi mette in luce cosa si è fatto finora, nel nostro paese, per favorire l’avvicinamento alla lettura da parte di bambini e ragazzi e propone una serie di attività, da lei più volte realizzate con successo e soddisfazione, per coinvolgere il giovane e variegato pubblico che poca attenzione sembrerebbe prestare al libro e al suo utilizzo. L’interazione fra Carla e i bambini è l’unica cosa che è impossibile recuperare fra le 50 pagine di questo utilissimo “bignami”; per quella non resta altro da fare che vederla all’opera!
    Chiara Del Tufo
    Libreria Marameo
  • Carla Colussi forma lettori: cioè persone curiose, critiche, creative. Lo fa mettendo al centro del suo lavoro la curiosità, la creatività, le domande. Lo fa con la voce e con il gesto, e con l'esempio: perché i libri cambiano le persone solo attraverso la partecipazione.
    Beniamino Sidoti

CARLA COLUSSI

Ideatrice del progetto Officine su Ruote e autrice di questa guida Romana, libraia girovaga e contastorie formatasi nel Teatro Ragazzi. Laureata in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, cattedra di “Storia del Teatro e dello Spettacolo”, con una tesi su Buonafede Vitali (medico, girovago e teatrante del seicento), si occupa da anni di promozione della lettura.

Che fa con i libri? Li legge, li racconta e ne parla a bambini, ragazzi, insegnanti e genitori, costruisce laboratori, idea attività multidisciplinari ecc. Scrive per la rivista web Libri Calzelunghe, collabora con la casa editrice Beisler, per la quale ha curato il catalogo per insegnanti “Mettiamoci in gioco”, porta progetti di lettura nelle scuole ed è alla costante ricerca di bei libri da consigliare a ragazze e ragazzi.