STORIE (E LIBRI) GIRANDOLE

Racconto storie da più di venti anni. Da sempre mi piacciono le storie che fanno ridere e pensare. Qui voglio raccontare libri e esperienze di racconto, ma anche parlare di come leggerli e di cosa farne delle storie e dei libri. Ecco intanto una lista (adoro le liste!) di quelli che per me sono i libri irrinunciabili se avete figli o se siete bambini.

Sophie&Sophie

Da oggi, 12 giugno, è in libreria un nuovo libro di Lois Lowry con la traduzione di Dylan Rocknroll: Albero. Tavolo. Libro. Editato da 21lettere, come gli altri della pluripremiata scrittrice statunitense, Albero. Tavolo. Libro è un romanzo tenero e ironico. Voce narrante della storia è Sophie, 11

Leggi tutto »

La libertà di Alfred

Alfred e la gogna di Jesper Wung-Sung tradotto da Eva Valvo, illustrato da Peppo Bianchessi e pubblicato da uovonero è romanzo singolare, affascinante,  pieno di umorismo tagliente e di filosofia. Alfred è un giovane uomo senza età che tempo addietro, nessuno ricorda più quando, è stato messo alla

Leggi tutto »

Torna Anastasia Krupnik!

Con Anastasia, assolutamente!, si conclude la serie di libri che Lois Lowry  ha dedicato all’intraprendente Anastasia Krupnik. Anastasia è una comune ragazzina che vive con il padre, la madre e un fratellino di 3 anni; le sue avventure sono legate alla vita famigliare, alla scuola e al vicinato.

Leggi tutto »

Se a Cenerentola non interessa andare al ballo

Se con lo strampalatissimo diario di Dracula il Vampiro (https://storiegirandole.it/se-a-dracula-scade-la-licenza/)si raccontava un evento plausibile della vita del noto personaggio letterario e con Lo strampalatissimo diario di Babbo Natale (https://storiegirandole.it/se-a-dracula-scade-la-licenza/)si narrava che cosa il panciuto e barbuto personaggio di fantasia facesse tra un natale e l’altro, con Lo strampalatissimo

Leggi tutto »

Gli ultimi articoli

Come si fa una rivoluzione?

Con No Borders, editato da Sinnos Editore, Giuliana Facchini continua la storia dei quattro ragazzi – Verne Lingren, Alcot e Dickens che accolti orfani, sono