fbpx

La scatola dei sogni, ovvero raccontare con la luce.

La scatola dei sogni, ovvero raccontare con la luce.

L’Europa della seconda metà dell’Ottocento era un fermento di sperimentazione, sforzi scientifici e artisti visionari.

In quest’ambiente nascono e crescono i Fratelli Lumière, figli del pittore e fotografo Antoine Lumiere e inventori del proiettore cinematografico.

Nella Francia di quel periodo, a Lione, vive Marcel il protagonista insieme con Nina, di questa storia. La scatola dei sogni, scritto da Guido Quarzo e Anna Vivarelli, illustrato da Silvia Mauri, edito da Editoriale Scienze, è un romanzo storico e di questo genere ha tutte le caratteristiche.

A differenza di quello che molti pensano il romanzo storico non è noioso, né pedante; può essere, invece, affascinante e coinvolgente perché ci permette l’immersione totale in un’epoca, regalandoci avventura, emozioni e storie (e se ben scritto, vi fa sentire anche gli odori dell’epoca!)

Ben scritto e storicamente attendibile, La scatola dei sogni, ci racconta dei primi esperimenti dei fratelli Lumière che portarono all’invenzione del cinema.  I primi cortometraggi, i dubbi e le sperimentazioni, tutto vero; che al loro servizio ci fosse un giovanissimo giardiniere, orfano e innamorato di quel nuovo prodigio che stava nascendo, è una finzione letteraria tuttavia probabile e verosimile.

È tutto questo che fa de La scatola dei sogni una storia affascinante e coinvolgente, avventurosa, romantica e appassionante. Perché c’è il cinema che nasce, con i Lumière che si chiedono se sia giusto filmare la verità, o se non sia meglio fare delle “prove” (sapeste quanta storia del cinema c’è, dietro questo dubbio!); i Lumière che sperimentano “il montaggio” e ne scoprono il valore narrante; infine, perché c’è un giovane orfano, che ha idee grandiose e una giovane ribelle che vede lontano.

Andiamo con ordine.

Antoinette Madeleine Monfort De Villon detta Nina ha diciassette anni. È curiosa e irriverente e non vorrebbe essere lì. Siamo nel salotto di casa Lumière. È la primavera del 1889 e Auguste e Louise Lumière hanno organizzato nel salotto della loro villa una proiezione per pochi intimi. Un’assoluta novità per l’epoca! Ecco cosa pensa mentre, annoiata, guarda gli ospiti chiacchierare:

<<Avrebbero assistito al cinematografo, le pareva di ricordare. Fotografia che si muovevano, o qualcosa del genere. Comunque per ora tutti sembravano interessati soltanto al rinfresco, e per quel cinematografo, qualsiasi cosa fosse, c’era ancora tempo>>.

Nina non ha voglia di stare lì ad ascoltare le chiacchiere degli adulti. Per ingannare il tempo si diverte a osservare i presenti e abbinare un animale a ogni persona. È un’acuta osservatrice, dall’intelligenza vivace. Infine anche quel gioco la annoia; non vista esce in giardino. Lì conosce Marcel, il giovane aiuto giardiniere dei Lumière. Marcel è molto attratto da quella nuova invenzione. Intelligente e osservatore, sta imparando molto, tanto che spesso i due fratelli lo chiamano in aiuto.

Inizia così la loro storia d’amore. Un amore che inizialmente non raccontano neanche a se stessi! Troppa la differenza sociale, all’epoca era impensabile anche solo un’amicizia. Ma Nina è una ragazza libera e intraprendente, curiosa e desiderosa di conoscenza; quel ragazzo sfrontato e allegro la attrae.

Mentre i Lumière sperimentano quel nuovo strumento, che tanto cambierà nel modo di comunicare e di fare spettacolo e informazione, degli strani furti accadono in casa Monfort De Villon e nelle ville attigue. Iniziano le indagini e il timore che Marcel venga accusato ingiustamente, spingerà i due giovani a fuggire.  Inizia una fuga avventurosa, piena di speranza e di aspettative. Arrivano a Torino e tra mille incontri e difficoltà, Nina e Marcel iniziano una nuova vita. Grazie all’esperienza maturata in casa Lumière, Marcel sarà decisivo per la diffusione a Torino di quell’incredibile scatola dei sogni che è stata ed è il cinema.

Come ho già detto, e come gli autori sottolineano nella postfazione, Nina e Marcel sono due personaggi inventati ma gli sperimenti dei Lumière e la diffusione del cinema assolutamente no. Sicuramente in quegli anni un qualche Marcel, visionario e intraprendente avrà dato il suo piccolo contributo al cinema. E una qualche Nina, intelligente e lungimirante, avrà avuto idee che sono finte in qualche film.

Perché la Storia è fatta da tanti Lumiere e tantissimi Nina e Marcel.

Un bel romanzo che piacerà da chi, come me, è innamorato del cinema e di qual periodo incredibile che va dalla seconda metà dell’Ottocento ai primi trent’anni del Novecento; anni di grande fermento artistico e incredibile sperimentazione nel cinema come nel teatro e nella letteratura.

Una nota meritano le illustrazioni di Silvia Mauri, che riescono meravigliosamente a raccontare l’epoca.

Guido Quarzo – Anna Vivarelli, La scatola dei sogni, illustrazioni di Silvia Mauri, editoriale Scienza, 2021.

Se volete avere altre informazioni su questo libro: https://www.editorialescienza.it/it/libro/la-scatola-dei-sogni.htm

Se volete consultare il catalogo della casa editrice: https://www.editorialescienza.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *