fbpx

Rossella Köhler

Con il termine Agenda 2030 s’intende una lista di obiettivi, stilata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 2015, aventi come obiettivo un futuro migliore e più sostenibile per tutti.

Sono stati individuati 17 obiettivi e ogni Stato si è impegnato ad agire, attraverso la propria politica, affinché si realizzino.

Da settembre 2020 nelle scuole italiane è stata ufficialmente (re)inserita l’Educazione Civica che è diventata una disciplina obbligatoria, trasversale e che riguarda tutti i gradi scolastici, dalla scuola dell’Infanzia fino alla scuola secondaria di secondo grado. So bene che in molte scuole l’Educazione Civica si è sempre fatta, ma il fatto che sia ufficializzata, mi fa sperare che si possa aprire un dialogo su cosa sia e cosa voglia dire fare Educazione Civica.

Così, sperando che non diventi una materia piatta e fredda che i bambini e i ragazzi vivono come lontana da loro e volendo dare un mio contributo, sto stilando una bibliografia che pubblicherò a breve (e che sarà un lavoro in fieri, poiché di libri ne escono di continuo) di romanzi, albi, guide, manuali scientifici per ragazzi con l’ obiettivo di affascinarli e di dir loro, possiamo farlo e di fornire agli adulti (e in primis a me stessa) una bussola per orientarsi, con la speranza di aprire un dialogo su cosa possiamo fare insieme.

Possiamo cambiare il mondo, di Rossella Köhler illustrato da Ilaria Zanellato e edito da Mondadori, mi permette di aprire il discorso perché è un manuale, è chiaro, è scritto bene e ha un impianto grafico accattivante.

Possiamo cambiare il mondo è una guida che, per ognuno dei 17 obiettivi:

  • Indica quali sono i traguardi che l’ONU ha fissato.
  • Suggerisce al giovane lettore che cosa può fare.
  • Presenta un approfondimento.
  • Racconta una storia vera di un progetto.
  • Narra come questo progetto si sta ampliando.

Molto illustrato e chiaro Possiamo cambiare il mondo, offre ai bambini una buona guida e la possibilità di sentirsi protagonisti in un mondo dove gli adulti (alcuni!) sembrano essersi arresi. Credo che oggi più che mai sia necessario mostrare che le cose cambiano eccome; a tale scopo potrebbe essere interessante per i bambini e i ragazzi e anche per gli adulti (perché, a volte, dimentichiamo) fare un viaggio nel passato e vedere che cosa accadeva per esempio negli anni Cinquanta ai bambini disabili e che cosa prevedeva la legge; quando fu abrogata la legge sul delitto d’onore e sul matrimonio riparatore(2); parlate di Franca Viola (2) o ancora le leggi su i diserbanti e la direttiva Seveso.  Ho fatto alcuni esempi, ma ne potrei fare almeno una ventina.

Chi mi conosce sa che amo la concretezza e che l’insegnamento fatto a parole non mi si addice. Per insegnare la pace, bisogna essere persone di pace e avere un comportamento rispettoso nei confronti dei bambini e dei ragazzi (oltre che degli adulti, ovviamente); per insegnare lo sviluppo sostenibile, dobbiamo essere i primi a vivere in modo sostenibile. Dobbiamo documentarci, confrontarci e condividere progetti e obiettivi.

Possiamo cambiare il mondo di Rossella Köhler è una buona guida per riflettere con i bambini su cosa possiamo fare.

Poiché credo che sia sempre meglio partire da ciò che i bambini/ragazzi già conoscono, ritengo che il modo migliore per usarla a scuola sia chiedere, per ogni obiettivo, che cosa pensano, anche se sono piccoli (per piccoli, in questo caso intendo le prime classi della primaria), che idee si sono fatti, che cosa hanno sentito dire dagli adulti. Sinceramente trovo questa parte del lavoro, la più affascinante e stimolante, perché escono fuori tante idee e tanti mondi ( in genere faccio delle registrazioni vocali per non perdere nulla).

Può servire, per stimolare la riflessione, usare le forme attivatori di cu ho parlato spesso e il cui utilizzo devo a Jenny Poletti Riz (1). Le forme attivatori sono delle sagome che hanno a che fare con ciò di cui stiamo parlando (molto banalmente: un cuore, per ciò che amiamo, una casa per indicare famiglia…); in questo caso la copertina ci viene in aiuto: la sagoma della Terra oppure di un girotondo.  Io poi scrivo tutto quello che dicono i bambini nella forma attivatore disegnata su un grande foglio di carta da pacchi. Ho una pessima grafia, ma funziona.


Rossella Köhler , Possiamo cambiare il mondo, illustrazioni di Ilaria Zanellato, Mondadori, 2021.

NOTE:

  1. Jenny Poletti Riz, Scrittori si diventa, Erickson, 2017
  2. Ovviamente sta all’adulto che conosce i bambini e i ragazzi, scegliere quali tematiche possono essere affrontate e in che modo.
23 Marzo 2021

Insieme possiamo cambiare il mondo

Con il termine Agenda 2030 s’intende una lista di obiettivi, stilata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 2015, aventi come obiettivo un futuro migliore e più sostenibile […]